fbpx

Spedizione gratuita per ordini superiori a 29€.

Come pulire le fughe delle piastrelle in maniera semplice ed efficace

Le fughe delle piastrelle sono un dettaglio importante nel design di qualsiasi pavimento o parete: scopriamo come prendersene cura e pulirle in caso di sporco ostinato.

Ci sono punti specifici delle pareti e dei pavimenti di casa che, nonostante l’impegno, è davvero difficile raggiungere per una perfetta pulizia degli ambienti. Le fughe delle piastrelle sono forse l’esempio più lampante di quello che stiamo dicendo.

Infatti, nonostante i pavimenti vengano lavati spesso, le fughe delle piastrelle possono comunque risultare di un fastidioso colore scuro, oppure possono deteriorarsi a causa dell’usura, dell’acqua o della pulizia scorretta, creando un aspetto poco attraente e compromettendo l’integrità strutturale della superficie.

La pulizia regolare e l’igiene delle fughe delle piastrelle è essenziale non solo per mantenere il livello estetico di bagni e cucine ma soprattutto per garantire che il pavimento o la parete siano sicuri e salubri per gli occupanti dell’ambiente.

Ecco alcuni consigli per la pulizia e l’igiene delle fughe delle piastrelle

La pulizia regolare e continuativa delle fughe delle piastrelle è essenziale per mantenere la superficie pulita e priva di sporco e batteri. Utilizzare una spazzola a setole morbide o un pulitore per fughe specifico per rimuovere lo sporco e la polvere accumulati è un buon metodo per mantenere pulite le fughe delle piastrelle.

La muffa può accumularsi nelle fughe delle piastrelle a causa dell’umidità. Meglio assicurarsi che il bagno o la cucina siano ben ventilati per prevenire l’accumulo di umidità. Inoltre è buona norma utilizzare una soluzione di acqua e acido muriatico o bicarbonato di sodio per pulire le fughe e prevenire la formazione di muffa, oppure utilizzare prodotti professionali per lo stesso scopo.

Utilizzare disinfettanti e detergenti specifici aiuta a garantire l’igiene delle fughe delle piastrelle. Si consiglia di utilizzare un disinfettante per uccidere i batteri e i germi, meglio se un disinfettante o detergente che sia specificatamente indicato come adatto alle fughe delle piastrelle.
Seguire sempre le istruzioni del produttore per l’utilizzo.

Evitare l’uso di prodotti aggressivi come candeggina o ammoniaca per pulire le fughe delle piastrelle. Questi prodotti possono danneggiare le fughe e rendere le piastrelle vulnerabili a futuri problemi.

La sigillatura delle fughe delle piastrelle può aiutare a prevenire la formazione di sporco e muffa. Utilizzare una sigillante per fughe specifico e seguire le istruzioni del produttore per l’applicazione.

Come sbiancare o ripristinare fughe delle piastrelle

Se i nostri consigli sono arrivati tardi o nonostante l’attenzione portata nella cura dei pavimenti comunque si riscontrano deterioramenti delle fughe, con incrostazioni e sporco ostinato…

Niente paura, la soluzione c’è.

Fortunatamente, esistono diverse soluzioni professionali per ripristinare le fughe delle piastrelle e farle tornare come nuove.

La prima cosa da fare è pulire le fughe. Spesso, il problema delle fughe sporche è solo una questione di sporco accumulato nel tempo. In questo caso, utilizzare un detergente per piastrelle e una spazzola a setole morbide per pulire le fughe è sufficiente. Assicurarsi però di rimuovere completamente ogni traccia di sporco e di risciacquare bene con acqua pulita.

Purtroppo se lo sporco si è accumulato da molto tempo nelle fughe sarà difficile rimuoverlo con detersivi tradizionali ma saranno necessari prodotti specifici come “Pulisci fughe” di SeySelf che è un pulitore acido pronto all’uso, studiato per rimuovere incrostazioni e sporco tra le fughe delle piastrelle. “Pulisci fughe” di SeySelf può essere utilizzato in interni ed esterni.

Pulisci fughe” di SeySelf è semplicissimo da utilizzare: si spruzza lungo la superficie delle fughe da pulire e si stende uniformemente con una spugna. Si lascia agire il prodotto per circa 5 minuti, poi si strofina con la spugna. Infine si risciacqua abbondantemente con acqua e la fuga come per magia tornerà a splendere. Puoi acquistare qui “Pulisci fughe” di Seyself.

Se invece le fughe sono rovinate o mancanti, l’unica soluzione potrebbe essere sostituire le fughe danneggiate. Per fare ciò potrebbe essere necessario un professionista, ma per chi ha una vocazione per il “fai da te” è possibile utilizzare un taglierino per rimuovere le vecchie fughe, facendo attenzione a non danneggiare le piastrelle sottostanti. Quindi occorre utilizzare una spatola per rimuovere la vecchia malta. Molto importante: rimuovere completamente la vecchia malta e pulire bene le fughe prima di procedere.

Una volta che le fughe sono completamente ripulite, occorre preparare la malta o stucco specifico per le fughe (per esempio Seyfuga di Seychelles). Si raccomanda di seguire attentamente le istruzioni sulla confezione per ottenere la giusta consistenza. Utilizzare quindi una spatola per spalmare la malta nella fuga, assicurandosi di riempire completamente la fuga e di rasare la superficie in eccesso con una spatola pulita. Lasciare asciugare completamente la malta prima di procedere.

In conclusione, ripristinare le fughe delle piastrelle è un compito relativamente semplice che può essere fatto da solo o con l’aiuto di un professionista. Tuttavia, è importante agire il prima possibile con prodotti specifici e professionali per evitare ulteriori danni alla superficie delle piastrelle. Con un po’ di tempo e di attenzione, è possibile ripristinare le fughe delle piastrelle e farle tornare come nuove. Un piacere per gli occhi e una maggiore sicurezza per la salute.

Carrello 0

Giorni
Ore
Minuti
Secondi